Language

 

Dinamico

Vai all'articolo

Sistemi di sicurezza nella trasfusione

SISTEMI DI SICUREZZA NELLA TRASFUSIONE

RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITÀ AB0
(Ministero della Salute – Dip. Qualità della Direzione Generale
della Programmazione Sanitaria, dei Livelli di Assistenza e dei Principi Etici di Sistema)

L’attenzione sulla sicurezza trasfusionale, ormai in piena gestione del rischio infettivo (enormemente ridotto), si sta trasferendo sul campo dell’errore da scambio di persona o di campioni di sangue, poiché il complesso processo trasfusionale si articola in varie fasi e si svolge in luoghi diversi, accrescendo la necessità di inserire attività umane che, in quanto tali, sono più esposte a potenziali errori che si ripercuotono su tutta la filiera di operazioni coinvolte nel processo della trasfusione.
Prevenzione dell’errore attraverso la formazione degli operatori, la disciplina delle procedure e l’automazione e sicurezza del paziente per mezzo dell’intercettazione e la neutralizzazione degli eventuali errori divengono quindi i due capisaldi del moderno obiettivo di sicurezza trasfusionale.

 

 

B.A.S.I.C.
Bedside Automatic System of Identification and Communication

La soluzione che Eos propone è un nuovo sistema per l’identificazione e la sicurezza in ambito sanitario. Detentore di due brevetti (sistema di blocco fisico della sacca di sangue, e impiego di tag rfid per identificare il paziente, i campioni, la richiesta e la sacca assegnata) B.A.S.I.C. è un potente strumento di controllo che risponde alle esigenze di identificazione positiva dei pazienti, dei campioni, dei prodotti biologici, farmaci e di comunicazione, argomenti questi alla base dei più comuni errori in questo ambito.
L’impiego di codici univoci, forcing functions, ridondanze e blocchi fissici permettono di evitare incidenti dovuti alla presenza di errori sfuggiti durante le fasi di controllo precedenti.
La soluzione B.A.S.I.C. si compone di strumenti altamente innovativi, seppur semplici nell’impiego: PALMED e MEDILOCK.
Il modulo HemoGuard, dedicato alla sicurezza trasfusionale, mette a controllo automatico tutto il processo di somministrazione del sangue per mezzo delle tecnologie wireless svolgendo le seguenti funzioni:

  • controllo dei processi delle fasi più rischiose del percorso trasfusionale – evitare loop trasfusionale;
  • Identificazione positiva del paziente per mezzo del codice univoco predeterminato (PID) – favorire Identificazione sicura, indipendentemente dai dalla conoscenza dei dati anagrafici;
  • Applicazione di un codice a barre progressivo in grado di identificare univocamente i campioni di sangue e le richieste;
  • Blocco fisico per mezzo di un sigillo elettronico (Medilock) cui chiave è il PID, che, al riconoscimento del paziente sbloccherà e aprirà il sigillo;
  • Tracciabilità di tutto il processo per mezzo della registrazione degli eventi trasfusionali attraverso Medilock;
  • Feed-back informativo al centro trasfusionale



PALMED - PiDA

Grande come un telefono cellulare, PALMED è uno strumento tascabile di identificazione positiva e di comunicazione che svolge le funzioni di:

  • Identificazione mediante
    • la lettura di codici a barre
    • la lettura e scrittura di trasponder
    • la lettura e scrittura di smart-cards
    • la lettura biometrica dell’impronta digitale e trasformazione in modello confrontabile
  • Comunicazione attraverso tre tipi di interfacce
    • Infrarossi irDa
    • Radiofrequenza
    • USB
  • Comunicazione con l’utente mediante
    • LCD grafico con retroilluminazione blu
    • Tastiera siliconica
    • Beeper per segnalazioni acustiche
    • Tre Led (rosso, blu, verde) per segnalazioni visive
  • Registrazione di alcuni parametri mediante sensori
    • Per la temperatura (tra -20°C e +80°C)
    • Per l’umidità relativa (tra 0% e 100%)
    • Accelerometro su 2 assi (a garanzia di un uso sicuro del laser)


PALMED è donato di quattro diverse memorie (Cache, E2Prom, Interna e MultiMedia Card), di una batteria al litio, un caricabatteria integrato di un Real Time Clock.


MEDILOCK- IL BLOCCO FISICO

MEDILOCK è un lucchetto elettronico, la cui chiave è il codice identificativo del paziente e della sacca di sangue da somministrare. Questo dispositivo serve a garantire la somministrazione della giusta sacca di sangue, eliminando la possibilità di scambio di persona o di prodotto. L’integrazione con PALMED è necessaria per svolgere le seguenti funzioni:

  • blocco/sblocco della sacca di sangue inserita in una apposita busta di plastica trasparente;
  • registrazione nel suo processore delle informazioni riguardanti il processo di somministrazione;
  • trasporto di alcune informazioni dalla struttura di partenza (centro trasfusionale) al letto del paziente, dove possono essere registrate e gestite tramite il PALMED;
  • registrazione di alcuni parametri, come ad es. la temperatura di trasporto del prodotto.

Essendo dotato, oltre che di un processore e di un servomeccanismo per la chiusura, anche di interfacce di comunicazione ad infrarossi (IrDA) e radiofrequenza (ISM2.4Ghz), MEDILOCK svolge le sue funzioni con modalità “wireless” attraverso le interfacce di comunicazione di PALMED, che funziona da ponte tra il paziente e MEDILOCK stesso. In questo modo lo sblocco del dispositivo potrà avvenire anche in situazioni particolari in cui esistano difficoltà di approccio al paziente (ad es. in sala operatoria).


Accertamenti pre-donazione

Obbligatori per legge, gli accertamenti pre-donazione forniscono una valutazione preliminare dello stato fisico del donatore prima di privarlo di una importante parte di sangue. La misurazione richiesta prima di ogni donazione varia dal tipo di donazione: d’obbligo la misurazione dell’emoglobina prima di donare il sangue intero, raccomandata la misurazione delle PLT nella piastrinoaferesi ed un conteggio completo di tutte le cellule del sangue (CBC).

L’Accordo Stato-Regione e Province autonome impone dei requisiti minimi a cui le strutture trasfusionali devono rispondere, in tema di accertamenti pre-donazione stabilisce l’esecuzione degli stessi allo scopo di stabilire l’idoneità del donatore, e la sistematica documentazione dell’intero processo (Requisito Organizzativo O.44) e la presenza di un numero di apparecchi per la determinazione dell’Hb pre-donazione a garantire il back up (Requisito Tecnologico T.3).

Le soluzioni a tali requisiti si concretizzano nella progettazione di emoglobinometri e analizzatori ematologici.

Eos propone Hemochroma Plus per la misurazione dell’Emoglobina e Swelab (Boule) per il conteggio dei globuli.

Soluzioni per il trasporto

TRASPORTO A TEMPERATURA CONTROLLATA

La normativa europea  vigente, mettendo in luce i limiti dell’attuale gestione logistica dei materiali biologici a supporto dei servizi trasfusionali in merito, ha condotto ad una crescente ricerca da parte degli operatori stessi di soluzioni in grado di garantire la qualità, la tracciabilità e l’affidabilità - oltre ad una maggiore mobilità- dei trasporti.
La normativa, infatti, punta:

  • Al contenimento dello spreco dei prodotti
  • Al recupero dei materiali non utilizzati secondo un sistema di tracciabilità degli stessi
  • Ottenere l’accreditamento delle istituzioni mediche

Con i prodotti COLDWAY, Eos offre ai suoi clienti la migliore risposta a:

  • Direttiva CE 2002 92 del Parlamento Europeo e del Consiglio (27/01/2003) -  Trasporto del sangue e degli emocomponenti a temperature controllate +22°C, + 4°C, -30°C.
  • Direttiva Europea in merito al trasporto del materiale infettante  (26/11/1999) Trasporto dei campioni biologici a temperature controllate +20°C, + 4°C, -20°C
  • Necessità di stoccare il materiale labile presso i locali sanitari
  • Necessità di standardizzare il servizio allo scopo di conseguire l’accreditamento della Struttura Trasfusionale

I sistemi COLWAY conferiscono grande valore all’aspetto logistico, riducendone la complessità ed i costi, allo stesso tempo offrendo la possibilità di produrre freddo attivo e tracciato, in risposta ai requisiti normativi.


SISTEMA TERMOCHIMICO BREVETTATO

La tecnologia impiegata introduce un innovativo e silenzioso processo di refrigeramento e/o riscaldamento che richiede poca manutenzione e non è soggetto alle condizioni climatiche. Non necessita del supporto di un motore o di un compressore, anche nel pieno rispetto dell’ambiente (nessun impiego di consumabili, nessun inquinamento dell’ozono perché non rilascia CFC, HCFC o sostituti il cui uso è vietato  dalle normative internazionali). La sua connessione ad un controllo elettronico ha condotto allo sviluppo di un’ampia gamma di contenitori isotermici, refrigerati, monitorati e autonomi (senza necessità di alimentazione elettrica) adatti al trasporto di prodotti termo-sensibili e permettendo la totale gestione del controllo della temperatura con tracciabilità dell’intero processo.


VANTAGGI:

  • Sistema a circuito chiuso
  • Produzione autonoma di freddo/caldo senza l’ausilio dell’elettricità
  • Immagazzinamento  senza limiti dell’energia (freddo o caldo)
  • Produzione potente e istantanea di freddo/caldo  all’apertura della valvola.
  • Di semplice impiego
  • Taniche robuste grazie al rivestimento in acciaio inossidabile.
  • Nessun componente rimovibile (motore o compressore), quindi poca manutenzione e necessità di assistenza tecnica
  • Nessun rumore o vibrazione
  • Rispetta l’ambiente: non impiega consumabili, fluidi che danneggiano l’ozono come CFC, HCFCs o altri sostituti vietati dalla normativa internazionale.
  • Possibilità di ricaricare il sistema  con fonti di energia rinnovabili (energia solare, recupero del calore).
  • Durata di oltre 4.000 cicli (10 anni di vita!)


GAMMA ALCATHERM. PER OGNI ESIGENZA, UNA SOLUZIONE

Grazie al sistema termochimico brevettato, il contenitore isotermico della gamma ALCATHERM fornisce refrigerazione costante in maniera autonoma, mantenendo la temperatura stabilita dall’utente (range –20°c ÷ +37°C), senza connessione a una fonte di alimentazione (230V) o a un veicolo.
Dotato di datalogger incorporato e di software per lo scarico dei dati, garantisce la piena tracciabilità di tutte le fasi di trasporto dei prodotti termosensibili in cui esso è stato coinvolto.

ALCATHERM MOBILE. La dotazione delle ruote e del manico telescopico rendono questa serie facile da maneggiare e muovere nel trasporto intra ed extra murario. Corpo e coperchio in polietilene sono realizzati in un unico getto sagomato. La coibentazione in poliuretano espanso lo priva di CFC. Si pulisce con detergente clinico o disinfettante. Box interno rimovibile (solo il modello Alcatherm Mobile7L).

ALCATHER MOBILE 7, 18, 45 LITRI

 

ALCATHERM COOLSPLIT. Facile da maneggiare, il box è removibile dal gruppo di raffreddamento al fine di poter effettuare la consegna senza dover interrompere la catena del freddo nel percorso di presa in carico dei materiali da parte dell’addetto al trasporto extramurario. La produzione di freddo è autonoma, indipendente dalla messa in moto dell’autovettura. Box e base in polietilene espanso: materiale leggero, resistente ai colpi e riciclabile. Il box può essere pulito con un detergente clinico o un disinfettante.


ALCATHERM COOLSPLIT 75 E 135 LITRI



ALCATHERM CONTAINER. Con I suoi 410 litri di capienza, questo contenitore è stato concepito per garantire la temperatura desiderata e costante nella fase di trasferimento di grandi quantità di materiali. Situato permanentemente nell’autovettura durante la fase di trasporto, è una valida alternativa al veicolo coibentato, permettendo di utilizzare lo stesso veicolo anche per altre funzioni, una volta scaricato il contenitore.

ALCATHERM CONTAINER 410 L




FREETHERM – SUPERA I LIMITI

Nelle lunghe distanze, Freetherm è l’ideale per fornire una refrigerazione autonoma e regolata. Nonostante il ghiaccio secco sia la soluzione più efficacie per il trasporto di prodotti termosensibili, questo metodo non permette però il mantenimento di una temperatura costante a causa della propria temperatura di origine (-80°C). In Freetherm, il ghiaccio secco viene posizionato in uno scomparto separato da quello preposto a contenere i prodotti trasportati e per mezzo del sistema di ventilazione, la temperatura interna può essere adattata e impostata dall’utente scegliendo entro alcuni range di temperature (-30°C ÷ +8°C) con una tolleranza di ± 2°C, restando costante per tutta la durata del tragitto. Facile da pulire con detergente clinico o disinfettante.

 






EQUITHERM – AFFIDABILITA’ AL 100%

Equitherm per mantenere una temperatura costante per il trasporto dei prodotti termosensibili, quali plasma concentrato, IVF, campioni biologici e crioglobulina. Varie applicazioni mediche richiedono una soluzione affidabile, flessibile e sicura per il trasporto di prodotti termosensibili a temperatura controllata. Equitherm mantiene la temperatura desiderata nonostante il freddo e senza la necessità di una connessione elettrica. Dotato di sistema di riscaldamento ventilato, la produzione di calore inizia su decisione dell’utente. Corpo e coperchio in polipropilene espanso, leggero e resistente ai colpi. Interno in acciaio inossidabile e vassoio in plastica.





Copyright © 2011 Eosbio. Tutti i diritti riservati. Cod. Fisc. P. IVA N, Reg. Imp. PD 04246700282 - Privacy Policy - Cookies Policy
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.